Informazioni

Il Paese delle Terre d’Oltremare

Gli sguardi amorosi aprono gli occhi dei dormienti chiusi dal passato insolente

Il Paese delle Terre d’Oltremare è un progetto/ricerca di Alessandra Cianelli. Iniziato nel 2012, con una forte matrice biografica, a partire da lettere di famiglia spedite dal “misterioso paese delle Terre d’Oltremare”, si articola focalizzandosi su un luogo fisico, la Mostra D’Oltremare a Napoli, complesso espositivo inaugurato nel 1940 a maggio e chiuso a giugno per guerra, ed oggi monumentale rimanenza coloniale, parzialmente in rovina.

La Mostra, avamposto/meta del viaggio-racconto del progetto, è, insieme con ciò che è rimasto a livello di memorie familiari e popolari, materiali (come fotografie, lettere, oggetti) e immateriali (suono, racconti, detti), l’archivio materiale, vegetale, di pietra, del recente passato coloniale, a cui la ricerca attinge.

Il viaggio, sulle tracce del nonno scomparso in Libia, strutturato come una missione esplorativa sul posto, spinto dal desiderio dell’altro/altrove e dalla meraviglia, irrompe in un archivio di memorie private e pubbliche, aprendo al contesto più ampio della formazione culturale del pensiero Coloniale dell’Occidente e alle sue persistenze.

Nel 2020, tra maggio e giugno, ricorrono 80 anni dall’apertura e chiusura del complesso espositivo e 80 anni dall’innesco, proprio nella Libia italiana, della Seconda Guerra Mondiale. La conclusione della ricerca, entro il 2020, prevede un progetto espositivo ed editoriale, accompagnato da un evento performativo di presentazione, da incontri, lectures e proiezioni e contempla anche la chiusura di un film a cui si sta lavorando attualmente, opera a quattro mani di Alessandra Cianelli e Christopher Thomson.

La ricerca si è avvalsa durante gli anni, nelle sue varie uscite e presentazioni pubbliche, della collaborazione di diversi teorici, artisti, pensatori.

Tra le istituzioni e realtà già coinvolteCSPG Centro Studi Postcoloniali e di Genere, Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”; Parco Archeologico di Paestum; M.A.M. – Matri-Archivio del Mediterraneo; FCRC – Film Commission Regione Campania; AMM – Archivio Memorie Migranti;


contatti


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: